Dieta alcalina: la medicina del futuro

P.S.: AL FONDO DELL'ARTICOLO RICORDATI DI SCARICARE IL RICETTARIO ALL'ERBA DI GRANO IN OMAGGIO!

Conoscere la differenza tra cibi acidi e cibi alcalini è molto importante per il nostro benessere e la nostra vitalità. Anche se non alcalinizziamo il nostro corpo al 100% è importante farlo almeno al 70%  proprio per mantenerci in buona salute e rallentare il processo di invecchiamento.

Il metro attraverso il quale si può misurare l'acidità o l'alcalinità dei cibi è il PH.

Il PH del nostro organismo rientra in una scala di valori che va da 0 a 14 . Possiamo misurare l'acidità e l'alcalinità all'interno del nostro corpo analizzando i liquidi organici come sangue, saliva od urina.

Se il PH è compreso fra 0 e 7,06 il nostro corpo è acido. Se è a 7,07 è neutro, se è tra 7,07 e 14 il PH si puo definire alcalino o basico.

Ci sono diversi strumenti per testare il livello di acidità nel nostro corpo, ma i più semplici da trovare nelle farmacie sono le "strisce indicatrici di PH" da usare con un campione  di saliva o urine.

La dieta alcalina non è qualcosa di nuovo, è qualcosa di antico. In passato la nostra alimentazione era costituita per lo più da cibi alcalini o neutri come legumi, verdura, frutta noci e semi. Oggi questi alimenti si sono ridotti per dare sempre maggior spazio a carne, latte, formaggi,  burro, uova, salumi, cibi raffinati e ricchi di sale.

Questo significa che oggi la maggior parte delle persone conduce uno "stile di vita acido".

L'ambiente acido nel nostro organismo non solo uccide la nostra vitalità, ma è anche un terreno fertile per  disturbi e malattie  - comprese quelle gravi come il cancro.

Il cibo non è però l'unica ragione che rende acido l'organismo. Le "emozioni"infatti son un altro importante fattore da considerare.

Paura, rabbia frustrazione, risentimento, ci stressano e danno vita a reazioni biochimiche che aumentano l'acidità del nostro organismo.

Per avere il nostro PH basico non sarà necessario seguire regole rigide, dobbiamo solo evitare alcuni cibi e privilegiarne altri.

Ecco i punti principali da seguire:

Mangiare il più possibile cibi vivi  (ossia crudi) o poco cotti  e naturali. Introdurre verdure, dando la preferenza a quelle verdi come broccoli, spinaci, lattuga, rucola, cetrioli, cavoli, bietole, sedani (perché ricche di clorofilla) e quando non si hanno a disposizione o se ne assume piccole dosi integrare con il "succo di erba di grano", un alcalinizzante naturale. Ottimi  anche gli avocado e il succo di limone sia in acqua che con l'erba di grano, utili per migliorarne il sapore.

Evitare i "veleni" ossia tutte le sostanze inutili che non portano nulla di buono e che il nostro corpo fa fatica ad eliminare come caffè, fumo, bibite gassate, alcool, cibi pronti, conservanti, aromi artificiali.

Ridurre il consumo di alimenti acidificanti come carne, dolci, farina bianca e tutti i suoi derivati, latte, formaggi, uova, legumi e cereali raffinati.

Importantissima l'idratazione. Assumere molta acqua lontano dai pasti. E' preferibile assumere acqua alcalina (si trovano on line diverse marche).

Fare attività fisica senza troppi sforzi, altrimenti  si stimolerà la produzione di acido lattico che contribuisce ad acidificare corpo. Importanti sono anche lo yoga, la meditazione e una respirazione consapevole per poter controllare i pensieri e le emozioni.

Scarica qui il ricettario all'erba di grano in omaggio!!